LCA e EPD

Nell’ambito degli strumenti volontari di politica ambientale volti all’etichettatura dei prodotti, l’Environmental Product Declaration (EPD) viene classificata dall’ente di normativa internazionale ISO come etichetta di 3° tipo.

Tra gli strumenti volontari di gestione, la Dichiarazione Ambientale di Prodotto si configura come uno strumento, capace di valutare tutte le caratteristiche e gli impatti ambientali di un prodotto o di un servizio lungo l’intero ciclo di vita e di comunicarli in modo credibile all’esterno.

Come vedremo però le EPD rappresentano non solo uno strumento di comunicazione ma un leva imperdibile di miglioramento del processo di progettazione e produzione.

Proprio per queste sue caratteristiche l’EPD trova sempre più frequente adozione da parte sia di organismi nazionali e sovrannazionali come la Comunità Europea che ne favoriscono l’adozione nei vari mercati per incentivare la concorrenza sulle performance ambientali, sia di schemi di Certificazione come il LEED, nell’industria immobiliare, che ne apprezzano l’utilità per valutare le prestazione ambientali dei prodotti impiegati nell’intero ciclo di vita degli immobili. Gli stessi Criteri Minimi Ambientali (CAM) prevedono l’impiego delle EPD come mezzo di prova nei Bandi pubblici di Green Procurament.

Inoltre la conoscenza approfondita delle categorie di impatto lungo l’intero ciclo di vita di prodotto grazie alla analisi di Life Cycle Assesment (LCA) su cui la EPD si basa, permette alle aziende di avere a disposizione la base informativa necessaria per avviare processi di miglioramento delle performance ambientali sia nella fase di progettazione dei prodotti, Ecodesign, sia nella fase di produzione. Per  questo ultimo caso si veda il collegamento con la metodologia LEAN che Greenactions è in grado di implementare.

Alcuni anni fa l’impiego della metodologia di Life Cycle Assesment e la realizzazione di una EPD di prodotto erano vissute come un processo particolarmente complicato, lungo e particolarmente costoso. Nel tempo, l’evoluzione della tecnologia, la disponibilità di database sulle categorie di impatto sempre più qualificati e completi e la acquisizione di know how delle società specializzate hanno permesso un progressivo e drastico ridimensionamento di tempi e costi.

Il Team di Greenactions grazie alla collaborazione con PE International Italy è in grado di fornire soluzioni proporzionali e scalabili con le esigenza e le caratteristiche aziendali. Si può passare infatti dalla certificazione di un solo prodotto a quella di un processo produttivo che offre la possibilità di avere un sistema di creazione automatico, perché perfettamente integrato con i sistemi informativi aziendali, che permette di ottenere EPD di prodotto con tempi e costi ridottissimi (anche più di una al giorno). La disponibilità di questo sistema inoltre rende l’azienda completamente autonoma dalla consulenza esterna e permette anche di avere un potentissimo strumento a supporto delle valutazioni di Ecodesign.

Il nostro Team in collaborazione con PE Italy è quindi in grado di seguire i nostri clienti in tutto l’iter riguardante l’introduzione delle EPD nel sistema di management aziendale: dalla valutazione della soluzione che meglio ottimizza il rapporto costi / prestazioni, alla raccolta dati necessaria per l’impostazione del modello di elaborazione, alla revisione dal parte dell’Ente gestore della Ecolabel, alla stessa valutazione dei risultati per individuare le priorità di miglioramento.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>