Unilever riduce la confezione ed aumenta il fatturato

deoUnilever ha annunciato l’introduzione sul mercato inglese di un nuovo deodorante spray che riduce della metà le sue dimensioni senza variare la quantità di prodotto e la sua funzione. Con questa innovazione la multinazionale avrà maggiori opportunità di raggiungere i suoi target ambientali mentre ottiene risultati molto positivi anche in termini di crescita del fatturato.

Il nuovo ridotto contenitore per deodoranti spray femminili sarà impiegato nei brand Sure, Dove e Vaseline. A parità di funzione permetterà di risparmiare il 50% di propellente ed il 28% di alluminio. Ma i benefici complessivi sono ben maggiori ed impressionanti. Grazie alle ridotte dimensioni sarà possibile incrementare la quantità di prodotto spedito per pallet del 53% riducendo quindi del 35% degli automezzi utilizzati. I vantaggi distributivi sommati a quelli produttivi determinano una riduzione del 25% della carbon footprint dell’intero ciclo di vita del prodotto. Ogni anno in UK vengono consumati 19 milioni di contenitori per spray; il passaggio a questo tipo di design permetterebbe il risparmio di 24 tonnellate di alluminio e 283 tonnellate di Co2.

Con questi effetti il nuovo contenitore aiuterà quindi Unilever a raggiungere gli ambiziosi obiettivi di dimezzare l’emissione di C02 e il conferimento in discarica dei suoi prodotti entro il 2020. E’ recente la comunicazione della multinazionale che oltre la metà delle sue fabbriche non ha prodotto più rifuti nel 2012, ponendo la società in ottima posizione per raggiungere l’obiettivo di zero waste nelle sue 252 fabbriche entro il 2020. Entro il 2015 inoltre non saranno più conferiti in discarica alcun tipo di rifiuti pericolosi dalle stesse unità produttive.

Di fronte a questi risultati e a questi target ci si potrebbe chidere se i risultati economici di Unilever possano in qualche modo risentirne. Non sembrerebbe proprio visto che il fatturato complessivo della multinazionale è in crescita significativa nonostante la crisi dei consumi in molti paesi. Esso è infatti passato dai 40 miliardi di euro del 2010 ai 51 del 2012. E’ quindi possibile coniugare crescita e riduzione della impronta ambientale.Unilever lo dimostra.

Se l’articolo è stato di tuo interesse, visita il nostro sito: www.greenactions.it ed iscriviti alla newsletter gratutita.

This entry was posted in Ecodesign and tagged , . Bookmark the permalink.

One Response to Unilever riduce la confezione ed aumenta il fatturato

  1. Vincenzo says:

    Ciao ragazzi, articolo interessantissimo. Devo svolgere un progetto di Marketing che riguarda i deodoranti eco, potreste citare la fonte di tutte queste belle informazioni? GRAZIE!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>