Greenactions
Macro Trend, Action Plan Europeo,Facebook, Kraft, Verge
 
Editoriale

Mario Iesari di GreenActions

I MACRO TREND DELLA GREEN ECONOMY
Ci eravamo lasciati con la promessa di sintetizzare per voi il contenuto dello  STATE OF GREEN BUSINESS REPORT 2012.  Il documento è sostanzialmente diviso in due parti Nella prima vengono elencati dieci macro trend che risultano dagli innumerevoli articoli e case history raccolte nel corso dell’anno dal gruppo editoriale responsabile del progetto mentre nella seconda parte è riportato l’andamento di numerosi indici quantitativi che  aiutano a capire meglio se e quanto ci si sta muovendo per rendere il business più innovativo e sostenibile.  Oggi parliamo dei macro trend. Quali sono stati i fenomeni più evidenti del green business 2011? 1) Fra questi abbiamo  l’importanza assunta  dalla MISURAZIONE degli impatti ambientali e del loro effetto anche sul business aziendale. Si sta lavorando per rendere i sistemi di misura più affidabili e generali (in grado cioè di tener conto di tutti i fenomeni nell’intero ciclo di vita) e si sta investendo anche raccogliere sempre più informazioni in tempo reale con sistemi hardware e software affidabili ed ubiqui. 2) L’affermazione progressiva del concetto di ACCESSO   al servizio in sostituzione del possesso del bene che eroga il servizio.  E’ un cambiamento anche culturale che può stravolgere le regole del gioco in molti business a cominciare dall’automobile (prodotto)  o meglio dalla mobilità (il servizio).  Guarda caso le icone del tempo moderno gli smartphone possono dare un impulso decisivo a questi processi (accedo al servizio immediatamente dove sono ed in qualsiasi momento).  3) E’ causa effetto del trend precedente  l’affermazione della MOBILITA’ SOSTENIBILE che ha visto crescere in numero e quantità soluzioni e servizi per cercare di trovare un alternativa efficace ed economica al modello one man/one car che sta finendo nel portare nessuno in nessun posto 4) L’EFFICIENZA ENERGETICA sembra prevalere sulle CLEAN TECNOLOGIES. Cioè più risultati vengono da soluzioni magari consolidate (come ad esempio il miglioramento degli infissi) piuttosto che da sofisticate innovazioni tecnologiche che probabilmente, credo sia così, hanno trovato un limite nella penuria di risorse finanziarie di questi anni 5) Il ruolo di catalizzatori degli investimenti e delle iniziative assunto dalle SMART CITIES. Si tratta di quelle città (generalmente grandi) che prima e più di altre si stanno dando da fare per provare a mitigare gli effetti e la portata dei cambiamenti climatici in primo luogo sulla qualità della vita e del lavoro dei propri cittadini.  Avevo parlato di 10 trend ma ho cercato di fare il mio lavoro accorpando e semplificando.

AGRICOLTURA: LA CALIFORNIA MISURA GLI IMPATTI AMBIENTALI DEL VINO
A marzo si avvia il test del nuovo sistema di valutazione delle performance ambientali introdotte dalla Alleanza per la Produzione Vinicola Sostenibile in California. Saranno misurate la carbon footprint, il consumo di acqua e di energia e l'impiego dei fertilizzanti chimici. Il test avrà la durata di 9-12 mesi e vi parteciperanno un campione di 20 aziende californiane. Leggi l'articolo completo

 

REPORT CSR: AMMETTERE GLI INSUCCESSI E' IL PRIMO PASSO PER SUPERARLI
“Abbiamo buone notizie, ma anche cattive notizie” è la frase con cui Anvil Knitwear, azienda USA che disegna, produce e commercializza abbigliamento sportivo, ha aperto la presentazione del suo Report CSR 2011, relativo all’anno fiscale 2010. Il motivo di tale esordio è legato alla crescita del 32% delle sue emissioni di gas serra nell’anno in questione, dovuta principalmente ad un incremento del 36% della produzione.  Leggi l'articolo completo

 

ECOINNOVAZIONE: ARRIVA L'ACTION PLAN EUROPEO
Anche l'Unione Europea conta sull'inovazione sostenibile per ridurre l'impatto ambientale del nostro modello di produzione e consumo e per facilitare il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo economico e sociale contenuti nell'Agenda per il 2020. Per questo motivo poche settimana fa è stato reso pubblico il nuovo Eco Innovation Action Plan. Leggi l'articolo completo 

 

GREEN IT: FACEBOOK E GREENPEACE ALLEATI PER LE ENERGIE PULITE
Dopo venti mesi di campagna ambientalista portata avanti da Greenpeace per sensibilizzare il Social Network per eccellenza  sul tema dell’utilizzo delle energie pulite, le due aziende hanno annunciato una collaborazione con lo scopo di promuovere le energie rinnovabili nel settore dell’IT, ma anche per stimolare organizzazioni e utenti privati a scegliere fonti di energia pulite.  Leggi l'articolo completo 

 

IMPATTI: KRAFT COMUNICA LA SUA CARBON FOOTPRINT
Kraft Food, la seconda industria alimentare al mondo, titolare di  noti marchi  quali Milka, Nabisco, Oreo e  Philadelphia ha reso noti i risultati di un’analisi volta ad individuare l’impatto globale della sua attività sull’ambiente attraverso l’utilizzo di diversi indicatori  chiamati “impronta ecologica”, “impronta idrica” ed “impronta carbonica”. Leggi l'articolo completo 

  

VUOI COMUNICARE I VANTAGGI AMBIENTALI DEI TUOI PRODOTTI IN MANIERA VINCENTE?                                        
Noi di Greenactions siamo in grado di realizzare lo strumento più idoneo: la Dichiarazione Ambientale di Prodotto. Misura, Conosci e Comunica i vantaggi competitivi ambientali dei tuoi prodotti in modo chiaro, completo ed inattaccabile. Contattaci !

VERGE, LA NUOVA FRONTIERA DELL'INNOVAZIONE VERDE
Un nuovo vocabolo cerca di farsi strada dell’affollatissimo scenario della comunicazione mediatica cercando di conquistare la nostra attenzione. In realtà non è particolarmente evocativo e per ora la sua diffusione non è supportata da un significativo budget di promozione, circolando soprattutto fra gli addetti ai lavori. Ma lo scenario che vorrebbe descrivere è talmente “rivoluzionario” che potrebbe realmente rischiare di guadagnare le luci della ribalta globale. VERGE  infatti è la “collisione” o meglio l’integrazione promessa fra 4 tecnologie o 4 comparti economici e produttivi che coprono  gran parte del nostro modello di vita e di consumo: l’abitazione, la mobilità, l’energia e l’information tecnology. Cosa altro rimane? Potremmo in realtà definire anche l’obiettivo di VERGE: cambiare la vita delle nostre città.
Per i creatori di Verge i processi di innovazione tecnologica e di business determinati in modo particolare dall’esigenza di rendere più sostenibile la nostra presenza su questo pianeta stanno infatti portando alla creazione di un immenso  scenario di mercato in cui sarà via via sempre più difficile andare a distinguere chi compete con chi e dove potremmo trovare un azienda fornitrice di servizi energetici in partnership con l’azienda leader del settore automotive e magari con Google o Apple. E ciò che più conta per chi si occupa di innovazione e di business questa evoluzione sta dando il via ad una serie infinità di nuovi prodotti e servizi. Una eventualità a cui non si può guardare con distacco. Sarà proprio cosi ?
Intanto (mi rivolgo a chi non ha mai sentito parlare di VERGE) per cominciare a saperne un po’ di più date una occhiata a questo breve documento.

CONVEGNO "GOODESIGN - LAVORARE BENE, ABITARE MEGLIO"

Milano - Triennale, 23 Febbraio 2012, ore 16.00

Giovedì 23 febbraio prossimo si terrà la 3°edizione del convegno "Best Up alla Triennale" che avrà per tema "GOODESIGN lavorare bene / abitare meglio. Creativi, imprese e associazioni insieme per una crescita sostenibile".
Obiettivo del convegno è dare stimoli ed utili indicazioni attraverso esempi concreti di buone pratiche imprenditoriali, progettuali, associative, collegate al design di prodotti e servizi sostenibili.

GreenActions sarà presente tra i relatori con  un breve intervento di Mario Iesari dal titolo "Innovazione e Business al tempo della sostenibilità"
Per maggiori info potete scaricare il programma del convegno, click qui.

 
GREENACTIONS Via Silone, 35 - Macerata
Phone: 3351302303_www.greenactions.it_ info@greenactions.it
Per scaricare le precedenti edizioni delle nostre newsletter clicca qui
Per iscriversi alla newsletter o per iscrivere un tuo amico clicca qui
Se non vuoi più ricevere questa newsletter invia una mail a: unsubscribe@greenactions.it